Cos’è il ciclo mestruale

Per ciclo mestruale si intende una sequenza di cambiamenti fisiologici periodici, che coinvolge l'apparato riproduttivo femminile. La mestruazione è invece la perdita di sangue, che proviene dalla cavità uterina in seguito allo sfaldamento dello strato superficiale dell'endometrio. Ciò si verifica ciclicamente, di solito una volta al mese, nelle donne fertili. Dal giorno della comparsa della mestruazione mensile bisogna calcolare l'inizio del ciclo mestruale.

Come Si Manifesta il ciclo mestruale

Il ciclo mestruale si manifesta, appunto, con la comparsa di una perdita di sangue di colore più o meno intenso, tra il rosa, il rosso, il marrone e addirittura il nero. Il primo ciclo inizia generalmente tra i dodici e i quindici anni in un momento noto come "menarca".

Quali Sono i Sintomi del ciclo mestruale

Molte donne, specialmente i primi giorni del ciclo mestruale, soffrono di "dismenorrea", conosciuta con il termine più noto di "dolore mestruale".

La dismenorrea si distingue in dismenorrea primaria e dismenorrea secondaria:

  • dismenorrea primaria: colpisce le giovani, di solito nel periodo che va dai 6 ai 2 mesi dopo il menarca. La sua frequenza massima è attestata attorno ai 16-17 anni e questa fase si attenua o scompare del tutto dopo la nascita del primo figlio. Sono questi i dolori mestruali che si manifestano poche ore prima della comparsa della mestruazioni mensile e che durano anche due o tre giorni.
  • dismenorrea secondaria: questo tipo di dismenorrea può presentarsi in concomitanza del menarca oppure manifestarsi in età adulta in maniera improvvisa. A differenza del precedente, questo dolore può durare per tutto il periodo mestruale e manifestarsi anche nel corso della fase follicolare.

Per quanto riguarda i sintomi, invece, questi non si limitano alla zona pelvica, ma possono coinvolgere tutto il corpo. Durante il periodo del ciclo mestruale possiamo notare:

●    mal di schiena 
●    lombalgia
●    mal di pancia
●    diarrea
●    tensione mammaria
●    mal di testa
●    nausea (talvolta accompagnata anche da vomito)
●    irritabilità e sbalzi di umore
●    astenia

Il sintomo principale rimane comunque la fitta dolorosa situata nel basso ventre, che può essere continua oppure caratterizzata da alcuni spasmi e da crampi di varia entità e intensità che si susseguiono fino a irradiarsi anche alla schiena.

Quali Sono i Rimedi ai dolori da ciclo mestruale

La dismenorrea va curata in base alla tipologia sofferta. Nel caso della dismenorrea primaria, questa può essere curata con la somministrazione di FANS o antinfiammatori non steroidei. Tra i principi attivi vi sono l’ibuprofene, il naproxene e l’acido meclofenamico. Oltre a questi principi attivi, possono essere somministrati il paracetamolo e il metamizolo, che possono essere utilizzati per lenire i fastidi derivanti dai dolori mestruali.

Anche la pillola anticoncezionale si può rivelare molto utile a ridurre i dolori mestruali, in quanto inibisce l’ovulazione e diminuisce la contrattilità uterina. Altri rimedi sono gli integratori alimentari a base di magnesio, Omega 3, Zinco e Vitamina B1.

Per quanto riguarda la dismenorrea secondaria, invece, se i rimedi già citati risultano privi di efficia, perché i dolori mestruali sono collegati a una patologia organica, come per esempio l’endometriosi, può rivelarsi necessario sottoporsi a interventi di chirurgia mini invasiva.

Come Prevenire i dolori da ciclo mestruale

I dolori mestruali possono essere prevenuti monitorando puntualmente il proprio stato di salute. Le visite ginecologiche sono essenziali per valutare la possibilità di essere affette da endometriosi, dalla malattia infiammatoria pelvica o di avere fibromi uterini. Inoltre, è bene proteggersi dalle malattie sessualmente trasmessibili utilizzando sempre il preservativo durante i rapporti sessuali, in quanto queste malattie possono causare dismenorrea. Anche la sindrome premestruale può provocare dolori mestruali, perciò è bene prevenirla adottando uno stile di vita sano, accompagnato da un'alimentazione equilibrata.

Quando Rivolgersi al Medico

È bene rivolgersi al medico nel caso in cui i dolori mestruali fossero talmente forti da risultare insopportabili e se accompagnati da emorragie abbondanti. Il medico a quel punto prescriverà una serie di esami, tra cui l'ecografia, per diagnosticare eventuali anomalie. Il ginecologo potrà prescrivere la pillola anticoncezionale a base di ormoni estro-progestinici.